Ricerca e innovazione: energia eolica. Ad Agrate la Ace inaugura “Ecolibrì”

Ad Agrate c’è una Brianza che punta sull’innovazione, sulla ricerca e sulla sostenibilità. Energia eolica. Il suo nome è Ecolibrì ed è firmata A.c.e. L’ impresa brianzola ha realizzato il primo prototipo di generatore eolico verticale.

3jpg

«In un periodo di crisi economica abbiamo fortemente creduto nel binomio ricerca e innnovazione ponendoci un obiettivo che ha il sapore di sfida: creare esclusivamente con le proprie forze un generatore di energia eolica, sganciandoci dal mercato legato agli incentivi statali ma proponendosi ad un’utenza provata, agricola e industriale – afferma con orgoglio l’imprenditrice Donatella Scarpa e aggiunge – la decisione di uscire sul mercato con un generatore eolico verticale di basso impatto ambientale ci pone come prima azienda brianzola in questo settore».

Presenti all’inaugurazione e al taglio del nastro nella mattinata dell’8 maggio le autorità: il presidente della provincia Dario Allevi, il segretario generale della Camera di commercio di Monza e Brianza Renato Mattioni, Stefano Valvason, direttore generale di Confapi Industria, a cui A.c.e. è associata,e il sindaco di Agrate Ezio Colombo.

A tagliare il nastro Donatella Scarpa, il fratello Roberto e Carlo Lodigiani, ideatore del progetto.

Il presidente Allevi ha affermato che se nel nostro territorio si può pensare ad un rilancio economico e a nuovi stimoli lo si deve soprattutto a persone come Donatella che “ci mettono l’anima”.

Il direttore generale di Confapi Valvason ha aggiunto «il prototipo del generatore eolico verticale dimostra ancora una volta come siano proprio le piccole e medie imprese a “tenere duro” e a continuare a credere nel nostro Paese».